Tetano – Non morirò in catene. L’identitarismo razziale non si integra

12 Nov

Prendo in prestito una canzone di un gruppo sicuramente non appartenente a nessun ambiente definibile “identitario” in quanto si tratta di un gruppo anarchopunk, verosimilmente(non vorrei dire fesserie non essendo esperto della scena), appartenenti ad un’area di pensiero anarco-insurrezionalista: i Tetano. Ho compiuto questa scelta, se vogliamo anomala, perchè il testo è ottimo e può essere applicato anche all’identitarismo razziale. C’è gente che ci vuole assimilare in qualcos’altro usando specchietti per le allodole, c’è gente che ci tiene in catene e ci boicotta perchè diffondiamo concetti scomodi a molti. Il rischio è che qualcuno voglia non solo tarparci le ali ma, peggio, manipolare i nostri discorsi, e farci morire assimilati dal sistema, da quel sistema che magari si dichiara contro lo status quo ma che, a ben vedere, rappresenta nient’altro che l’altra faccia della medaglia.

L’identitario razziale ha spezzato le sue catene ed anche le sue “controcatene”, non appartiene a nessuno; noi siamo singoli individui liberi, più o meno organizzati. Dovunque siamo diffondiamo le nostre idee, senza farci assimilare da niente e nessuno.

L’identitario razziale non sta al guinzaglio di nessuno, non è un cagnolino asservito.
E le parole come “integrazione”, “assimilazione” e vari sinonimi sono considerate come parolacce, non solo quando associate alla parola “razziale”. Integrazione, anche non razziale, vuol dire rinuncia a quello che si è, e non c’è niente di peggio a rinunciare a ciò che si è per essere accettati da qualcuno. Meglio esser avversati per quello che si è che essere appoggiato per quel che non si è.

A tutti gli oppositori delle nostre idee, di qualunque tipo siano, dico: Non ci avrete mai come volete voi, questa canzone vedetela così, anche se il significato con la quale è stata creata sicuramente non è questo.

Le tue parole sono la loro morte.
Grida la tua rabbia, spezza le catene.
Non hanno il diritto di tenerti al guinzaglio.
Non hanno capito che non gli appartengo.
Non hanno capito che voglio essere libero.
Voglio essere io a scegliere per me.
Mi picchieranno mi ammazzeranno
ma non avranno mai la mia mente e le mie idee,
non manipoleranno i miei discorsi.
Non moriro’ assimilato dal sistema.

Annunci

Una Risposta to “Tetano – Non morirò in catene. L’identitarismo razziale non si integra”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Comunanza Ideologica Identitaria, cosiddetto Cameratismo Politico e Casacche « veraopposizione - giugno 11, 2012

    […] *L’identitarismo razziale non si integra […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: