Race, Evolution and Behavior(J. Philippe Rushton) tradotto in Italiano

23 Feb

Finalmente disponibile in italiano la versione ridotta di Race, Evolution and Behavior, opera di J. Philippe Rushton che tratta di differenze razziali dal punto di vista scientifico. È stato un lavoro di gruppo, un lavoro di volontariato puro, nessuno ha preso soldi o offerto soldi per tradurre, ed è un lavoro che viene messo disponibile gratuitamente su questo spazio virtuale, contro ogni logica di profitto sull’identitarismo razziale. Chiunque voglia leggerlo in PDF può farlo cliccando il link alla fine del post, chiunque può farlo girare liberamente, in formato cartaceo, in formato PDF o in qualunque altro formato. Solo una cosa chiedo: che nessuno commercializzi questo lavoro, svolto su base puramente volontaria da 5 persone e diffuso tramite il web in modo assolutamente gratuito, contro ogni logica di mercato e contro ogni pippa mentale sul copyright. La versione in inglese era disponibile sul web gratuitamente, gratuitamente l’abbiamo scaricata, gratuitamente l’abbiamo tradotta e gratuitamente la stiamo diffondendo e continueremo a diffonderla

Un ringraziamento speciale a tutti quelli che han collaborato.
Han collaborato, in ordine alfabetico.
Dani14 (capitolo 5 e 7, figure 3-10-11-12, ed una 15ina di altre frasi problematiche)

DeathMask(primo riassunto in Italiano nel 2008,  http://www.stormfront.org/forum/t483302/)

Glemselens(capitolo 8)

Legionario88(Dall’inizio fino al capitolo 3, e tutte le restanti figure)

Luna92(capitolo 6 + revisione testo in italiano ed impaginazione)

Totalkrieg(capitolo 4)

Un ulteriore ringraziamento in anticipo a tutti quelli che collaboreranno volontariamente in futuro per altri lavori di questo tipo.

Ecco il link dal quale potrete leggere il PDF. Buona lettura a tutti.

Race_evlution_and_behaviour_totale_traduzione

Annunci

10 Risposte to “Race, Evolution and Behavior(J. Philippe Rushton) tradotto in Italiano”

  1. Luca marzo 4, 2012 a 8:53 pm #

    il libro dimostra che gli asiatici sono superiori a tutti. Che facciamo, ci dichiariamo sconfitti e gli cediamo il dominio del mondo? Tanto, se sono cosi’ superiori se lo prendono lo stesso. Ecco il problema di questo libro: se e’ vero, e’ del tutto ininfluente. Chi se ne importa se qualcun altro è superiore secondo certi parametri: ognuno faccia del suo meglio e poi si vedrà.
    Che idiozia dimostrare la superiorità in media di una etnia su un’altra. Le etnie cambiano, evolvono, si modificano, rispondono alle condizioni ambientali. Quello che conta è l’individuo.

    • veraopposizione marzo 6, 2012 a 1:37 pm #

      Il libro afferma che gli asiatici hanno in media un QI più elevato(il QI rappresenta solo una parte dell’intelligenza) ed in media hanno altre caratteristiche dovute in gran parte alla genetica e non semplicemente all’ambiente. Il libro stesso afferma che i negri hanno in media un QI minore, una forza fisica maggiore e certe tendenze ad alcuni comportamenti, anche qui dovuti in gran parte alla genetica e non semplicemente all’ambiente.
      Non è questione di “chi è migliore di chi”, è questione di affermare candidamente che le differenze razziali esistono, a prescindere da quello che ci impone di pensare la dittatura del politicamente corretto. Poi, senz’altro, esisteranno anche asiatici muscolosi e col QI basso così come negri mingherlini e col QI alto, nessuno nega questo, ma qui si parla di medie, non di casi fuori dalla media, che esisteranno sempre, così come esisteranno sempre gli individui criminali in ogni razza.
      Vero, ognuno si sviluppi come vuole, separatamente, secondo natura. Non mi interessa fare “uhuhuh stupido negro” o “gnegnegne asiatico mingherlino e nano mezza sega”, mi interessa affermare che le differenze razziali esistono ed a mio avviso vanno preservate, per non creare la cosiddetta “unica razza umana meticcia” svuotata di ogni tipo di senso di appartenenza ad un gruppo.
      Sintomo della dittatura della tolleranza nel mondo bianco è anche il fatto che la diffusione di questo libro è stata osteggiata dai vari gruppi di potere antirazzisti e mondialisti presenti negli USA ed in tutto il mondo bianco

  2. thunder marzo 8, 2012 a 12:14 am #

    Guardati allo specchio la mattina: in una società razzista un beota mezzasega cerebroleso come te sarebbe recluso al cottolengo. Come minimo. Sei penoso.

    • veraopposizione marzo 8, 2012 a 12:18 am #

      Grazie altrettanto

      • Mariner aprile 21, 2012 a 8:40 am #

        Ma che senso ha negare l’esistenza delle razze ?

      • veraopposizione aprile 21, 2012 a 8:44 am #

        Dovremmo chiederlo a chi la nega, per me non ha alcun senso

Trackbacks/Pingbacks

  1. Race, Evolution and Behavior(Rushton), versione ridotta in Italiano - Stormfront - febbraio 23, 2012

    […] […]

  2. Aryan Nation - Page 2 - Stormfront - marzo 10, 2012

    […] […]

  3. Rileggendo Ordine Nuovo - settembre 28, 2012

    […] […]

  4. The Races Of Humanity(Richard McCulloch) tradotto in italiano - ottobre 18, 2012

    […] […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: