IL TERMINALE E L’IDENTITARIO DEL TERZO MILLENNIO

15 Lug

Si Parla ora del concetto di Terminale e del concetto di Identitario del Terzo Millennio, prendendo in prestito la terminologia, davvero efficace, usata dal gruppo organizzato CasaPound. Questo gruppo usa questa terminologia(terminale vs del terzo millennio) in riferimento al fascismo. Essi con la parola terminale si riferiscono a quei fascisti che, a loro dire, sono troppo ancorati al passato e guardano troppo poco al futuro. Essi si definiscono fascisti del terzo millennio in quanto affermano di essere fascisti e di cercare di applicare il fascismo ai nostri giorni, al terzo millennio. Su questo blog come avete avuto modo di vedere non si tratta e non si tratterà di fascismo ma si tratterà di identitarismo.

Nel Terzo Millennio, mai come prima, i popoli bianchi sono sotto attacco da più direzioni. Si parte dal solito problema ebraico, amplificato ulteriormente dolo la Seconda Guerra Mondiale, per arrivare ai problemi conseguenti la cosiddetta Dittatura della Tolleranza dei G.O.O.(Governi Occupati d’Occidente), come ad esempio i problemi derivanti dall’immigrazione allogena, fra cui quella di allogeni islamici, ed il meticciato in seguito all’integrazione di una parte degli allogeni. Ovviamente senza dimenticare il pericolo giallo, del quale si parla sempre troppo poco. Tutti questi problemi sussistono in quanto rappresentano un pericolo per noi bianchi. Infatti sosteniamo che l’identità biologica dei nostri popoli sia minacciata a causa di un processo di sostituzione demografica a scapito nostro ed a causa della possibile assimilazione razziale in seguito al cosiddetto meltin’ pot con annesse tutte le teorie dell’Unica Razza Umana Meticcia. Insomma, gli identitari del terzo millennio hanno un approccio che mette la razza al centro di tutto in quanto la razza è sempre stata l’entità rilevante di ogni Vero Identitarismo; a maggior ragione deve esserlo oggi. Viviamo infatti un’epoca in cui a causa dei vari errori e delle varie sconfitte dei nostri antenati rischiamo, come bianchi, di venire distrutti biologicamente IRRIMEDIABILMENTE tramite la mescolanza razziale o la sostituzione demografica.

L’identitarismo del Terzo Millennio prende anche il nome di White Nationalism(WN).

Chi si definisce magari identitario, o seguace di una certa ideologia politica, o nazionalista ma che non metta al centro di tutto il WN viene chiamato Terminale.

Il termine Terminale indica colui che è così ottuso, anacronistico e slegato dal presente da essere considerato “senza speranza di cura definitiva”. Il Terminale è fermo a rimpiangere un passato che non ha vissuto o a perder tempo con attività che, per quanto condivisibili, non servono a niente dal punto di vista WN se non a toglier spazio e tempo a forme di possibile attivismo WN. I terminali possono essere i famosi “fascisti braccio a molla predappio style” o i nostalgici fermi a slogan senza senso come “la Polonia non esiste”, gente che ritiene il WN “merda americana” mancando di rispetto a tantissime persone che da un certo punto di vista hanno portato avanti in un certo senso l’eredità del NazionalSocialismo dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il WN infatti è sì aperto a qualunque ideologia politica ma un NazionalSocialista può benissimo considerarla la trasposizione nel terzo millennio dei punti centrali del NazionalSocialismo, ovvero la Questione Razziale ed il Problema Ebraico.

Chi si dichiara NazionalSocialista ma schifa il WN è anch’esso un Terminale perché è rimasto fermo a qualche decennio fa.

Anche chi si atteggia a fare il moderno, il giovane dentro, il ribelle anti-sistema ma schifa o lascia da parte il WN, è anch’esso un Terminale.

Chi nel 2012 sta ancora a menarsela sul conquistare delle zone di confine perse in qualche guerra passata a scapito di altre nazioni bianche invece di ragionare in termini di WN è anc’hesso un Terminale.

Quelli il cui primo pensiero è quello di dividere le nazioni bianche esistenti in più nazioncine usando motivi economici, micro-identitari o iperparticolaristi, magari litigando con altri iperparticolaristi su quale dovrebbe essere la giusta divisione, è un Terminale, in quanto i suoi orizzonti sono limitati e non ampi in senso WN. Se queste persone non sono Terminali, allora evitino di sprecare per queste robe energie utilizzabili per il WN.

 

Chiunque anteponga al WN qualcosa di diverso, di tipo ideologico, politico, filosofico, religioso o di qualunque altro tipo può definirsi anch’esso Terminale perché non ha la visione d’insieme necessaria per vedere qual è il Vero Problema, qual è il Centro e qual è la Periferia. Il WN va spiegato ovviamente ma nessuna confusione può essere accettata a lungo termine. Ogni confusione permanente è una perdita di tempo che genera Terminali.

Annunci

4 Risposte to “IL TERMINALE E L’IDENTITARIO DEL TERZO MILLENNIO”

  1. Bob Terminator luglio 26, 2012 a 12:40 pm #

    Ll’identitario del terzo millennio , terminale. Malato terminale, di cervello.

    • veraopposizione luglio 30, 2012 a 7:15 pm #

      Ottime le argomentazioni degli anti-identitari, come sempre direi.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Reputation bar - Page 232 - Stormfront - luglio 15, 2012

    […] […]

  2. Il Terminale e l'Identitario del Terzo Millennio - Stormfront - luglio 17, 2012

    […] […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: