Tag Archives: non conforme

Perchè il Volontariato Totale è così importante

2 Lug

Si è parlato tempo fa del concetto di Volontariato Totale

Il concetto di Volontariato Totale

Questo concetto è al momento poco presente in ambienti considerati, a torto o a ragione, identitari. Di contro, è molto presente il concetto del comprare per supportare la scena, supportare l’ambiente, supportare chi si è sbattuto per scrivere un libro mettendoci tempo e magari soldi per documentarsi. Oppure, ancora, supportare chi permette la diffusione di cultura non conforme.

Traduzione: dar da mangiare a delle persone che lucrano sulle idee non conformi. Con le moderne tecnologie, internet in primis, ormai è diventato facile per tutti informarsi in modo completo su argomenti per i quali non troppo tempo fa bisognava cercare sul cartaceo in qualche biblioteca o libreria cosiddetta “non conforme” o addirittura in sedi di partiti politici. Oggi potenzialmente è tutto sul web. Tutti possono leggere dal web o, in alternativa, stamparsi il cartaceo da casa o da una copisteria dopo essersi salvati il materiale trovato sul web. Il tutto pagando meno, molto di meno che a prenderlo in una delle Cosiddette Librerie Cartacee Non Conformi.

Dico Potenzialmente in quanto purtroppo non vi è ancora tutto questo materiale identitario in italiano, ma ci sarà man mano, e ci sarà gratis. La vera sfida è far sì che questo materiale identitario in italiano, di produzione propria o tradotto, sia disponibile gratis per tutti e che nessuna fra le persone interessate al White Nationalist debba sentirsi obbligata ad avvicinarsi ad ambienti politici pre-esistenti, né tanto meno ad una qualche forma di riconoscenza verso di essi. Per far sì che accada tutto questo bisogna che cambi la mentalità alla base della diffusione del materiale Cosiddetto Non Conforme o, meglio, è necessario che la mentalità con la quale si diffonde materiale White Nationalist sia completamente diversa. Chi spende tempo e si impegna per produrre o tradurre materiale White Nationalist non deve farlo per ricevere qualcosa in cambio e non deve pretendere alcuna forma di rimborso. Si tratta di persone che svolgono un lavoro per sé stesse, per altre persone ideologicamente simili e per chiunque voglia conoscere ed approfondire una certa ideologia.

Non un produrre per un premio economico né per aspettarsi una sorta di rimborso, ma semplicemente produrre in modo economicamente disinteressato. Tenere i soldi lontani dalle produzioni WN vuol dire tenere lontani eventuali sciacalli, vuol dire tenere lontane eventuali tentazioni editoriali economiche e vuol dire, last but not least, fare una concorrenza spietata ai venditori di idee. Questi ultimi saranno sconfitti in partenza se la mentalità Volontariato Totale si svilupperà. Nel caso cercassero di vendere materiale White Nationalist resterebbero infatti a mani vuote perché noi daremmo gratis ogni tipo di materiale White Nationalist. Nel caso cercassero di vendere, come fanno ora, materiale non White Nationalist ma materiale Cosiddetto Non Conforme, il giovane medio sceglierebbe di leggere, fra i due tipi di materiale, quello di tipo White Nationalist perché gratuito.

Il Volontariato Totale White Nationalist sarà quindi temuto ed ostacolato da chiunque veda un pericolo nella diffusione del White Nationalism e da chiunque veda in pericolo un qualche tornaconto economico e/o personale.

Diffusione del White Nationalism e Volontariato Totale devono quindi andare a braccetto.

Annunci

L’identitarismo Razziale è un Ortaggio Non Conforme.

16 Ott

Ci sono dei signori che curano un orticello. Questi signori insegnano alle nuove leve a curare l’orticello generazione dopo generazione. Queste nuove leve lavoreranno seguendo le stesse regole dei predecessori perché i predecessori vogliono che la cura dell’orticello vada avanti sempre nello stesso modo. Qualche piccolo scostamento sarà tollerato a patto che gli ortaggi restino bene o male gi stessi. Un nuovo ortaggio potrà essere inserito solamente se conforme a certe regole; infatti i nuovi ortaggi che escano da certi schemi predefiniti sono considerati non conformi e quindi scartati. Chi cerca di portare nuovi ortaggi in quell’orto resta così deluso; tuttavia, a volte la sua qualità viene riconosciuta da chi coltiva l’orticello. Allora il bravo coltivatore di ortaggi non conformi viene spinto a coltivare l’orticello insieme a tutti gli altri, rinunciando a coltivare gli ortaggi non conformi.

I coltivatori dell’orticello propongono al portatore di ortaggi non conformi di entrare nel loro gruppo. Perché questa proposta?

In primo luogo, l’abilità del portatore di ortaggi non conformi potrà servire a mandare avanti meglio l’orticello.

In secondo luogo, il portatore di ortaggi non conformi sarà impegnato a coltivare l’orticello, lascerà gradualmente perdere ogni idea di coltivare ortaggi non conformi in quanto si troverà bene nell’orticello altrui. Non penserà mai e poi mai di coltivare gli ortaggi non conformi altrove, perché la cura dell’orticello altrui diventerà la sua principale attività.
Questa strategia permetterà ai proprietari dell’orticello di stroncare sul nascere la nascita di un orto con ortaggi non conformi che potrebbe metterli in secondo piano.

Un altro metodo dei gestori dell’orticello consiste nell’usare ortaggi conformi apparentemente simili ad ortaggi non conformi con l’obiettivo di attirare persone valide ed interessate alla coltivazione di ortaggi non conformi. Queste persone saranno trasformate gradualmente da potenziali rivali ad aiutanti. L’obiettivo dei gestori dell’orticello è conservarlo così com’è, senza l’aggiunta di pericolosi ortaggi non conformi la cui coltivazione potrebbe entrare in conflitto con quella di altri ortaggi conformi. Questi ultimi infatti rischierebbero di sparire o di finire in secondo piano.

Ebbene sì, l’identitarismo razziale è un ortaggio non conforme e noi dobbiamo diffondere la sua coltivazione, facendo diventare desueta la coltivazione di qualunque ortaggio, anche storico, che contrasti con l’identitarismo razziale. Non fatevi integrare, non fatevi imbambolare dalle solite parole, dalla solita minestra riscaldata. Voi siete prima identitari razziali, poi tutto il resto.

Voi siete negli orticelli per portare lì i vostri ortaggi, non per coltivare gli ortaggi altrui. Ovunque siate, diffondete l’identitarismo razziale all’interno, non la loro insipida pappetta preconfezionata all’esterno. E non sottovalutate il ruolo di internet. Internet, per quanto riguarda la diffusione del pensiero, arriva ovunque. Internet rompe il boicottaggio a 360 gradi al quale sono sottoposte le idee identitarie razziali. Grazie ad internet la gente potrà formarsi senza frequentare questo o quel gruppo, senza esser influenzata dalla mentalità di branco e dal concetto fuori dal mondo di “ti insegniamo a pensare come si deve”.

Si avvicinerà ai movimenti esistenti meno gente da formare e più gente già formata, ed allora i vostri castelli di carta crolleranno lentamente ma inesorabilmente; il vostro orticello diventerà un qualcosa di ancor più insignificante e gli ortaggi non conformi troveranno spazio in altri orticelli. L’identitarismo razziale vivrà di luce propria e non di luce riflessa. Identitari razziali, non fatevi traviare, non siate pesci che abboccano all’amo né allodole che abboccano agli specchietti. È ora di camminare con le nostre gambe, da soli o insieme a chiunque sia interessato sinceramente a portare avanti le nostre istanze.